Archivi categoria: Scuro Moltamorte

Non rovinare tutto, dopo aver letto

DSC_3868bSi conclude con il «Corriere del Ticino» di oggi la rubrica L’antro di Scuro Moltamorte. L’ottava e ultima puntata propone l’ultimo, fondamentale suggerimento per catturare giovani lettori: non rovinare tutto dopo aver letto. Completando il suo ottalogo, Scuro si sofferma infatti a illustrare alcune strategie da osservare per non trasformare il dopo-lettura in un momento dagli esiti pedagogici disastrosi.

Per saperne di più, come sempre, potete dare un’occhiata alla pagina del suo diario o scaricare qui il pdf dell’articolo.

Scegliere storie divergenti e di qualità

DSC_3878bLa rubrica del «Corriere del Ticino» L’antro di Scuro Moltamorte si avvia alla sua conclusione: sul numero di oggi (02.08.2016, p. 25), il barbuto missionario della narrazione propone il penultimo suggerimento per catturare giovani lettori, soffermadosi sull’importanza delle storie d’autore che sorprendano per il loro contenuto divergente, fuori dagli schemi.

Per saperne di più, potete leggere la pagina del suo diario o scaricare qui il pdf dell’articolo.

(Ri)scoprire l’albo illustrato

DSC_3876bLa rubrica del «Corriere del Ticino» L’antro di Scuro Moltamorte è giunta alla sesta puntata. Sul quotidiano del 29.07.2016 (p. 27), Scuro Moltamorte fa bella mostra di sé con tre esemplari in tre lingue diverse del capolavoro di Maurice Sendak, Nel paese dei mostri selvaggi. Il suo sesto suggerimento per catturare giovani lettori, infatti, riguarda proprio gli albi illustrati e la loro riscoperta (soprattutto a livello didattico).

Per sapere come si possono definire gli albi illustrati e che cosa li distingue da altre forme di narrativa con le figure, potete leggere la pagina del suo diario o scaricare il pdf dell’articolo cliccando qui.

 

Animare la lettura con tante voci

DSC_3865bQuinta puntata della rubrica L’antro di Scuro Moltamorte. Questa volta, due mostruosi Scuri fanno capolino dalla foto che affianca l’articolo, nel quale il missionario della narrazione illustra un altro suggerimento per catturare giovani lettori: i segreti della lettura a più voci.

L’occasione è ghiotta per citare alcuni albi illustrati adattissimi per animare letture coinvolgenti e divertenti: Due mostri di David McKee, Non è una buona idea e la serie di Reginald e Tina di Mo Willems, Sono io il più forte di Mario Ramos.

Per saperne di più, leggete la pagina del diario di Scuro o scaricate il pdf dell’articolo del «Corriere del Ticino» (25.07.2016, p. 21).

Dare voce alle storie

DSC_3885Quarta puntata della rubrica L’antro di Scuro Moltamorte sul «Corriere del Ticino» (22.07.2016, p. 26): il vecchio missionario della narrazione si sofferma sull’importanza della lettura espressiva, ad alta voce, per coinvolgere il lettore e per dare voce alle storie. Non trascura poi un suggerimento bibliografico sorprendente: Lo Yark di Bertrand Santini (LO editions, 2015).

Per saperne di più, potete leggere il testo integrale della puntata cliccando qui o visitando questa pagina del suo sito  

Trasformare la lettura in un rito

DSC_3858bTerzo suggerimento di Scuro Moltamorte per catturare giovani lettori: sul «Corriere del Ticino» di oggi (20.07.2016, p. 23), il vecchio biancobarbuto parla del rito della lettura, con l’aiuto del Signor Porcello. Un altro tassello verso il completamento del suo infallibile ottalogo.

Per saperne di più, come sempre, potete visitare il suo sito o cliccare qui per scaricare il pdf dell’articolo tratto dal «Corriere del Ticino».

Trovare il posto giusto per leggere

DSC_3850bSeconda puntata della rubrica L’antro di Scuro Moltamorte del «Corriere del Ticino»: il missionario della narrazione svela oggi ai lettori il secondo suggerimento del suo personalissimo ottalogo per catturare giovani lettori: trovare il posto giusto per leggere.

Per saperne di più, potete visitare il suo sito o cliccare qui per scaricare il pdf dell’articolo (tratto dal «Corriere del Ticino», 15.07.2016, p. 27).

Scuro Moltamorte sul «Corriere del Ticino»

Schermata 2016-07-18 alle 18.48.09

Scuro Moltamorte ha fatto il suo esordio giornalistico sulle pagine culturali del «Corriere del Ticino». Il burbero personaggio ha inaugurato oggi una serie di otto puntate della rubrica L’antro di Scuro Moltamorte al nobile (bisogna pur riconoscerlo!) scopo di proporre suggerimenti su come catturare giovani lettori.

Per saperne di più, non dovete far altro che visitare il suo sito, cliccando qui, oppure potete anche scaricare direttamente da qui il pdf con il primo articolo («Corriere del Ticino, 13.07.2016, p. 22), cliccando sull’immagine.

 

Scuro Moltamorte ospite del Bidello Ulisse

2016_04_27_Bidello_UlisseQuarta apparizione di Scuro Moltamorte su Teleticino: il 27 aprile 2016, lo schifosissimo missionario della narrazione (così si definisce lui) è stato ospite di Daniele Dell’Agnola e del suo Bidello Ulisse nella rete dei libri.

A differenza delle altre puntate, questa volta Scuro non ha fatto la parte dell’intruso, ma si è lasciato intervistare per svelare al pubblico qualche dettaglio su di sé (ad esempio, la sua “provenienza” dal libro La barba magica di Natale, di Simone Fornara e Mario Gamba) e sulla sua passione per gli albi illustrati.

Ha parlato (ovviamente) del capolavoro di Maurice Sendak, Nel paese dei mostri selvaggi, e poi dell’albo minimalista di Shel Silverstein Alla ricerca del pezzo perduto, per finire con un saluto del tutto particolare, ispirato all’albo cartonato Io vado! di Matthieu Maudet.

Come sempre, si può vedere il video della puntata cliccando qui o sull’immagine, mentre si possono leggere le impressioni di Scuro a questo link.

Scuro Moltamorte e l’arte di dibattere

2016_04_20_Bidello_UlisseTerza apparizione televisiva sugli schermi di Teleticino per Scuro Moltamorte, che, durante la puntata del 20 aprile 2016 della trasmissione di Daniele Dell’Agnola Il bidello Ulisse nella rete dei libri, registrata presso la Bibliomedia di Biasca, ha interrotto il conduttore per porre alcuni interrogativi a sfondo etico sui comportamenti dei personaggi del libro di Jon Klassen Questo non è il mio cappello.

Scuro ha poi assistito (stranamente quieto) agli interventi dei ragazzi ospiti della trasmissione che hanno raccontato la loro esperienza a La gioventù dibatte, un progetto molto stimolante promosso in tutta la Svizzera e in Canton Ticino allo scopo di promuovere il dibattito come strumento della democrazia.

Cliccando sull’immagine è possibile vedere il video della puntata, mentre cliccando qui si può leggere che cosa racconta Scuro di questa nuova esperienza televisiva.